Prenderò d’anticipo il mattino

vinicio caposselaPulito come un solitario

mi scrollerò di dosso l’obbedienza

mi brucerò da dosso la rinuncia,

la brucerò come un’efilide

nell’acido della mia insonnia.

Sarò solo nervo e niente grasso

lucido come una notte insonne

scintillante come una moneta nella benzina

scaltro come un affamato

suderò di eccitazione

veloce come un voltafaccia

disobbediente come un evaso

leggero come un salasso

tagliente come un addio

nervoso come una rapina

avrò la febbre addosso

colerò impaziente come grasso

nel cielo della benzina

mi metterò nelle mie mani

giocherò di prima

forte come un epilettico, arrabbiato come una faina

taglierò i sogni con la lametta

e li lascierò sotto il cuscino

mi scrollerò il sonno

sfrontato come un affittuario

dormirò vestito

starò addosso alla vita come un bastardo

come un segugio, come un mastino

non guarderò mai l’orologio

prenderò d’anticipo il mattino.


Da “Non si muore tutte le mattine”.

Be Sociable, Share!

Leave a Comment