All entries by this author

Estate – Vinicio Capossela

Estate – Vinicio Capossela

Ero giovane, frequentavo quel gruppo di devoti alla causa del be bop che gravitavano intorno al Chet Baker di Bologna, e che Jimmy Villotti descrisse in modo indimenticabile nel suo libro “Gli Sbudellati”. Una sera, dopo il nostro concerto a Livorno, concerto importante perche seguiva l’uscita di Modì, disco dedicato al livornese Amedeo Modigliani, tra tutti il bohemien più eroico, da una macchina parcheggiata Piero Odorici faceva bere al resto della banda le note di Estate nella versione di Joao Gilberto, quella registrata nel suo […]



Marinai Profeti e Balene – Vinicio Capossela

Marinai Profeti e Balene – Vinicio Capossela

Marinai Profeti e Balene, il nuovo doppio disco di inediti di Vinicio Capossela. I temi esistenziali della grande letteratura di mare sono qui evocati da una complessa architettura musicale, da arrangiamenti che sono una vera e propria colonna sonora dell’immaginazione e dall’asciuttezza atavica della musica cretese. Molti e insoliti sono gli strumenti utilizzati: le percussioni indonesiane gamelan, la viola d’amore barocca, il santur, le onde Martenot, il theremin, la sega musicale, l’ondioline. A sostegno della voce, una grande varietà di cori: da ciurma (i cosiddetti […]



When the Ship Comes In – Bob Dylan

When the Ship Comes In – Bob Dylan

La canzone sembra essere stata ispirata a Dylan da una canzone dall’ “Opera da tre soldi” di Bertolt Brecht, “Lied der Seeräuber-Jenny”, in italiano “Jenny dei Pirati”. Afferma Suze Rotolo, uno dei primi amori di Bob Dylan (nonché la ragazza che con lui appare sulla copertina di “The Freewhelin’ Bob Dylan”): “Il mio interesse per Brecht costituì certamente un’influenza per Bob. Stavo lavorando per il Circle in the Square Theatre, ed egli veniva a sentire tutte le nostre rappresentazioni. Rimase molto colpito dalla canzone per […]



Bardamu – Vinicio Capossela

Bardamu – Vinicio Capossela

“Suono le musiche che amo: le arie i tempi binari di marce e marcette, la polka, il rebetiko. Ricorrente in Canzoni a Manovella è l’uso degli archi, ma sono archi molto particolari , aerostatici: sembrano cariche di cavalleria, leggeri e d’attacco. Tommaso Vittoriani li ha arrangiati alludendo a quadri e altre suggestioni visive.” “Alla fine il risultato sarà quello di un’orchestra che funzionerà come se fosse l’ingranaggio di un organo da fiera.” E’ il caso di Bardamu traccia numero uno del disco “Canzoni a Manovella” […]



Canzoni a Manovella – Vinicio Capossela

Canzoni a Manovella – Vinicio Capossela

Le Canzoni a Manovella che noi abbiamo provveduto ad inventare sono canzoni immaginarie. Per rappresentarle occorre che, dietro al sipario a soffietto ascenzionale si sia provveduta la strumentazione necessaria: grancasse sinfoniche, piani chiodati e a rullo, trombe a grammofono, chitarre, onde Martinot, ululatori o stropicciatori a valvola, orchestrioni corni da caccia, violini tromba, turbanti, cilindri, sollevatori bulgari e aerostatici. E’ un disco questo di cose che vengono dal profondo. Che affiorano a galla in scafandro e cilindro. E’ un fabbricato con mezzi espressivi più leggeri […]



Prenderò d’anticipo il mattino

Prenderò d’anticipo il mattino

Pulito come un solitario mi scrollerò di dosso l’obbedienza mi brucerò da dosso la rinuncia, la brucerò come un’efilide nell’acido della mia insonnia. Sarò solo nervo e niente grasso lucido come una notte insonne scintillante come una moneta nella benzina scaltro come un affamato suderò di eccitazione veloce come un voltafaccia disobbediente come un evaso leggero come un salasso tagliente come un addio nervoso come una rapina avrò la febbre addosso colerò impaziente come grasso nel cielo della benzina mi metterò nelle mie mani giocherò […]



Così ho iniziato – Vinicio Capossela

Così ho iniziato – Vinicio Capossela

Molte canzoni possono accompagnare la nostra vita, ma solo poche obbligano ad accerdersi una sigaretta, a tirarla a lungo, come a soffocare un taglio con un’altra lama, e riempire cosi un vuoto nel petto. Quella è la musica di cui voglio occuparmi. La musica che, nella sua bellezza, non fa stare tranquilli. Chiede qualcosa di più alla vita, apre nell’anima un senso di incompiutezza, come se la vita non fosse abbastanza, come se le fosse sfuggito l’essenziale. Fa intravedere qualcosa che si desidera al punto […]



Un soldo per la platea e quattro soldi in paradiso se siete poveri

Un soldo per la platea e quattro soldi in paradiso se siete poveri

Entrate, Signori e Signore, Entrate! Inizia il secondo tempo dello spettacolo! Un secondo tempo di Prodigi e Illusioni! Un soldo per la platea, se siete benestanti, e quattro soldi in paradiso se siete poveri… Entrate e venite a vedere “Le periperizie del cantautore alcolico ” o “le fortune del cantapoeta magico”: Una Pantomima davvero geniale! Esotica e pirotecnica! Entrate , Signore e Signori…Entrate e venite a vedere! Che adesso inizia la seconda parte… Entrate!! Che quel giovanotto della tribù dei Kuta Kuta è cresciuto. Che […]



Ultimo Amore – Vinicio Capossela

Ultimo Amore – Vinicio Capossela

“Ultimo Amore” è una vicenda con una matrice letteraria, una ballad inventata sulla storia di un amore tragico (finito con il suicidio) che pero ha riferimenti diretti a storie direttamente vissute da Vinicio : “Almeno che io sappia”, si affretta a rimarcare l’amico Franco Bassi. I versi della canzone parlano di un treno che è “un lampo infuocato” e che viene visto arrivare in velocità..è un attimo : lei non c’è più e “Le poteron riconoscere soltanto / dagli anelli bagnati dal suo pianto”. Quel […]



Vinicio Capossela verso il nuovo album

Vinicio Capossela verso il nuovo album

Inizia dal mare il nuovo viaggio musicale di Vinicio Capossela. Il cantautore è, infatti, ad Ischia per le registrazioni del suo nuovo album di inediti in uscita nel 2011, a più di due anni dalla pubblicazione di “Da solo”, il suo precedente album. Per dare il via alla registrazione del suo ultimo lavoro, un pianoforte Seiler a coda lunga, vecchio di ottant’anni, è stato issato per l’occasione a ottanta metri sul livello delle onde, nella sagrestia della Cattedrale dell’Assunta, presso il Castello Aragonese di Ischia. […]