Posts Tagged ‘ musica ’

Le Musiche dell’Assenza

Le Musiche dell’Assenza

Molte canzoni possono accompagnare la nostra vita, ma solo poche obbligano ad accendersi una sigaretta, e tirarla a lungo, come a lenire il taglio di una lama con un’altra. Soffocare il petto, avvelenarlo per riempire il vuoto. E’ la musica dell’assenza. La musica che, nella sua bellezza, non fa stare tranquilli. Chiede qualcosa di più alla vita, apre nell’anima un senso di incompiutezza, come se la vita non fossa stata abbastanza, come se le fosse sfuggito l’essenziale. Fa intravedere qualcosa che si desidera, al punto […]



Ovunque Proteggi – Vinicio Capossela

Il lavoro di Vinicio Capossela si presenta come un affresco di pezzi solenni, i cui singoli elementi discendono dalla notte dei tempi e per ciò contengono il seme del tutto, compresa la loro parte di attualità. E’ sufficiente evocarli e metterli in scena, per agitare con inaudita violenza ed efficacia lo spettro del presente. Del resto, sempre c’è stato da proteggersi e da proteggere, e sempre il sole è sorto su distese di terre tali da doversi indicare come “Ovunque”. «Quando si sono presi certi […]



Louis Prima nella neve – Vinicio Capossela

Ah compagni miei! Questo fuoco è qualcosa per davvero, e bisogna che qui, stasera, ne approfittiamo e ci raccontiamo tutto… a ognuno il suo, bisogna che la proviate questa fiamma… e inizierò io per primo, che l’ho sentita… e vi dirò del mio migliore ricordo, della notte in cui le nostre anime veloci incontrarono Louis Prima! Nevicava a sifone quella notte di Natale… a tutta mandata… S’alzava a folate… anche sul lungomare. Laggiù… nella “California”, la Riviera, dove il mare è solo la piscina degli […]



Bardamu – Vinicio Capossela

Bardamu – Vinicio Capossela

“Suono le musiche che amo: le arie i tempi binari di marce e marcette, la polka, il rebetiko. Ricorrente in Canzoni a Manovella è l’uso degli archi, ma sono archi molto particolari , aerostatici: sembrano cariche di cavalleria, leggeri e d’attacco. Tommaso Vittoriani li ha arrangiati alludendo a quadri e altre suggestioni visive.” “Alla fine il risultato sarà quello di un’orchestra che funzionerà come se fosse l’ingranaggio di un organo da fiera.” E’ il caso di Bardamu traccia numero uno del disco “Canzoni a Manovella” […]



Così ho iniziato – Vinicio Capossela

Così ho iniziato – Vinicio Capossela

Molte canzoni possono accompagnare la nostra vita, ma solo poche obbligano ad accerdersi una sigaretta, a tirarla a lungo, come a soffocare un taglio con un’altra lama, e riempire cosi un vuoto nel petto. Quella è la musica di cui voglio occuparmi. La musica che, nella sua bellezza, non fa stare tranquilli. Chiede qualcosa di più alla vita, apre nell’anima un senso di incompiutezza, come se la vita non fosse abbastanza, come se le fosse sfuggito l’essenziale. Fa intravedere qualcosa che si desidera al punto […]



Ultimo Amore – Vinicio Capossela

Ultimo Amore – Vinicio Capossela

“Ultimo Amore” è una vicenda con una matrice letteraria, una ballad inventata sulla storia di un amore tragico (finito con il suicidio) che pero ha riferimenti diretti a storie direttamente vissute da Vinicio : “Almeno che io sappia”, si affretta a rimarcare l’amico Franco Bassi. I versi della canzone parlano di un treno che è “un lampo infuocato” e che viene visto arrivare in velocità..è un attimo : lei non c’è più e “Le poteron riconoscere soltanto / dagli anelli bagnati dal suo pianto”. Quel […]



Vinicio Capossela verso il nuovo album

Vinicio Capossela verso il nuovo album

Inizia dal mare il nuovo viaggio musicale di Vinicio Capossela. Il cantautore è, infatti, ad Ischia per le registrazioni del suo nuovo album di inediti in uscita nel 2011, a più di due anni dalla pubblicazione di “Da solo”, il suo precedente album. Per dare il via alla registrazione del suo ultimo lavoro, un pianoforte Seiler a coda lunga, vecchio di ottant’anni, è stato issato per l’occasione a ottanta metri sul livello delle onde, nella sagrestia della Cattedrale dell’Assunta, presso il Castello Aragonese di Ischia. […]



Suona Rosamunda

Che strana storia quella canzone! Si intitolava Modranska Polka prima di intitolarsi Rosamunda. E dopo essersi intitolata Mondranska Polka e prima di intitolarsi Rosamunda ebbe anche un altro nome: “koda Làsky“. Se l’era inventata Jaromir Vejvoda, un cecoslovacco, che però ne aveva scritto soltanto la musica. Tempo dopo spuntò fuori un altro cecoslovacco, Vatek Zeman, per le parole: ma solo nel 1934, ben 7 anni dopo che Jaromir aveva fatto la sua parte. Solo qualche anno piu tardi quella canzone diventò famosa in America e […]



Il Tarantismo – Ballo di San Vito – Vinicio Capossela

Il Tarantismo – Ballo di San Vito – Vinicio Capossela

Secondo la credenza popolare il tarantismo era una malattia provocata dal morso della tarantola (Lycosa tarentula), che si manifestava soprattutto nei mesi estivi (periodo della mietitura) e che provocava uno stato di malessere generale – dolori addominali, stato di catalessi, sudorazioni, palpitazioni – in cui musica, danza e colori rappresentavano gli elementi fondamentali della terapia che consisteva, appunto, in un esorcismo musicale, coreutico e cromatico. Dagli studi di Ernesto De Martino, nel 1959, si evince che, ad alcuni sporadici casi di reale morso della taranta […]



Vinicio Capossela incontra Tom Waits

Vinicio Capossela incontra Tom Waits

Firenze 1999 Vinicio Capossela trascorre 4 piani di ascensore insieme a Tom Waits, dal libro “will years la vita e mito di Tom Waits”, Vinicio scrive: Quarto piano: Lo sappiamo tutti che razza di posto è un ascensore. D’albergo poi. Uno dei quei posti in cui ti senti in imbarazzo anche a guardarti nello specchio da solo. forse è perchè a meno di un braccio si infrange ogni distanza di sicurezza, che si entra nello spazio vitale, che ci si può tirare anche un pugno, […]